Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

scarponi.jpg

Lutto nel mondo dello sport. Dal ciclismo arriva la terribile notizia della scomparsa di Michele Scarponi, vincitore del Giro d’Italia 2011. 

Scarponi è stato travolto da un furgone mentre si allenava sulle strade di casa, a Filottrano (Ancona). Michele era appena tornato dal Tour of the Alps, dove aveva ritrovato la gioia della vittoria nella prima tappa a Hungerburg (Austria) con la maglia dell'Astana.

Lo scalatore, professionista dal 2002, ha vinto il Giro d'Italia 2011 dopo la squalifica di Alberto Contador. Nello stesso anno si aggiudicò anche il Giro del Trentino e colse sei vittorie con la maglia della Lampres ISD. Michele, che avrebbe compiuto 38 anni il 25 settembre, lascia la moglie Anna e i gemellini Giacomo e Tommaso.

Il Presidente del CONI, Giovanni Malagò, ha invitato le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva a far osservare un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive, che si disputeranno in Italia da oggi e per tutto il fine settimana in ricordo del campione delle due ruote.

La Federazione Italiana Taekwondo, partecipando al dolore della famiglia e di tutto il mondo del ciclismo, estende la richiesta ai propri comitati regioali e agli organizzatori di gare e tornei di taekwondo in programma questo weekend.