Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo

La Storia del Taekwondo Italiano.

di Sun Jae Park, Presidente Federazione Italiana Taekwondo

Gli studiosi ci hanno insegnato che la “Storia” non procede linearmente ma piuttosto per brusche accelerazioni, strappi, momenti di stasi. Insomma non è una “passeggiata”. Anche il Taekwondo non si sottrae a questa norma e sebbene la sua storia in Italia abbia inizio poco più di 45 anni fa, possiamo già distinguere alcune pietre miliari, alcune svolte che ne hanno segnato anche in modo brusco il cammino.

*Io ho iniziato a diffondere il Taekwondo nel 1966, quando si formano i primi nuclei di praticanti. Il TKD si espande lentamente ma costantemente, specialmente nell’Italia centro-meridionale, e l’interesse che si crea intorno a questa nuova disciplina suggerisce la creazione della FITKD, Federazione Italiana Taekwondo. La FITKD nasce come affiliata alla I.T.F., un’associazione internazionale di Maestri che aveva iniziato la diffusione del TKD in Europa e negli USA. Pur tra mille difficoltà si va avanti, il TKD comincia a farsi conoscere in Italia e l’Italia, a sua volta, si fa conoscere in campo internazionale. Addirittura sorprendente può essere considerato il risultato ottenuto ai mondiali I.T.F. a Montreal, Canada, nel 1974: gli azzurri dopo le tre prove di forma, combattimento e rotture conquistano un prestigioso 1° posto!

*Dopo circa dieci anni ecco il primo strappo di cui parlavo all’inizio, la prima seria svolta. Nel panorama internazionale accanto alla I.T.F. lavora un’altra federazione, la W.T.F., che sembra rappresentare nel modo migliore, sia sul piano dei regolamenti che su quello strutturale, il mondo del Taekwondo. La decisione è sofferta, coraggiosa ma al tempo stesso inevitabile. Quindi, nonostante i legami di amicizia e la buona posizione dell’Italia nella nicchia dell’I.T.F., ho deciso di far entrare la FITKD nella W.T.F., un’organizzazione sostenuta tra l’altro dal governo coreano e che in poco tempo riesce a farsi valere nell’ambito sportivo mondiale ufficiale. E’ il 1975, si va in Corea, al 2° Campionato Mondiale WTF, lasciando per sempre molti regolamenti rassicuranti ma ormai obsoleti e inadatti allo sport. L’uso della corazza, tanto per fare un esempio, sgombra il campo da vecchie e nuove ipocrisie e la trasformazione e il passaggio alla W.T.F. si rivela per tutti noi una salutare doccia fredda. Qualcuno non condivide e preferisce scendere dal carro, ma la FITKD va avanti e i risultati sportivi seguono. Al 2° Campionato Europeo nel 1978 a Monaco gli azzurri salgono per due volte sul podio, conquistando una medaglia d’oro e una d’argento.

*Ed eccoci al secondo scossone della nostra adolescenza sportiva: molte cose stanno nuovamente cambiando a livello internazionale, l’importanza che il TKD sta assumendo a livello mondiale fa sì che anche il movimento olimpico si interessi da vicino al nostro sport. Così la WTF, ufficialmente affiliata al GAISF (General Association of International Sport Federations), si appresta ad essere riconosciuta dal CIO (Comitato Olimpico Internazionale). In questo modo potrà negli anni seguenti avere accesso al prestigioso palcoscenico delle Olimpiadi e, proprio per questo motivo, le singole Federazioni devono trovare un ambito ufficiale nei rispettivi paesi. Anche l’Italia deve sottostare a questa regola e così la FITKD si vede costretta nel 1980 a sciogliere la sua solida ma piccola e privata organizzazione ed entra nella FIKDA che, tramite la Federazione del Judo, risulta essere in quel particolare momento l’unica struttura per le discipline di combattimento ad avere un qualche riconoscimento ufficiale in Italia. Per tutti i praticanti è un momento molto delicato. La sensazione che tutti hanno è quella di passare da una “famiglia” ad una organizzazione certamente più importante e organizzata ma, al tempo stesso, più fredda e informale, però la nave va nella direzione giusta.

*Nel 1982 la FIKDA si trasforma nella FIKTEDA (Federazione Karate Taekwondo e discipline associate) ed è associata alla FILPJ. Al Congresso di Berlino del 1985 il CIO vota a favore dell’introduzione del Taekwondo tra le discipline a carattere dimostrativo e fissa il debutto proprio in Corea, dove nel 1988 sono in programma i Giochi di Seoul. E’ un colpo grosso, una promozione importantissima sebbene ancora si parli di sport dimostrativo e non ufficiale. Una promozione su cui molti non avrebbero scommesso, soprattutto tra gli addetti ai lavori di alcune discipline “concorrenti”. Il Presidente della FILPJ decide di dare un “segnale” ed appoggia la mia candidatura a Presidente della FIKTEDA. E’ il momento in cui il settore Karate si spacca in due: da una parte molti appoggiavano la decisione della FILPJ, dall’altra c’era però chi preferiva un personaggio del mondo del Karate. Dopo un breve periodo di contrasti ed alterne vicende, risulta indispensabile la creazione della Federazione Italiana Taekwondo (FITA) a cui, dopo poco tempo, decide di aderire persino una corrente modernista del Karate. Dalla nuova unione nasce la FITAK, di cui io rimango Presidente.

I due settori nel corso degli anni crescono notevolmente, sia sul piano della qualità che sul quello della quantità. Si arriva così agli sviluppi più recenti.

*Ed eccoci alla storia contemporanea. In campo internazionale il Taekwondo viene considerato l’astro nascente degli sport moderni e in pochi anni conquista una posizione non più marginale. Il Taekwondo partecipa anche alle XXV Olimpiadi di Barcellona ’92 ancora nel programma dimostrativo. Ma la crescita a livello internazionale si fa sempre più rapida e importante tanto da arrivare alla definitiva promozione del 1994: al Congresso di Parigi il CIO vota il Taekwondo come sport ufficiale, con il debutto annunciato per le Olimpiadi di Sydney 2000. E’ un premio che arriva dopo tanti anni fatti di piccoli passi e grandi sacrifici, è la realizzazione del sogno di milioni di praticanti e dirigenti, è la speranza per tanti atleti che potranno dire “ Io c’ero ! ”. Per l’Italia, così come per altre nazioni, è una grossa occasione, sia sul piano sportivo che su quello strutturale. E’ evidente a questo punto la necessità di creare una struttura organizzativa più snella e indipendente, una Federazione solo per il Taekwondo. D’altra parte in tutti i paesi del mondo i Comitati Olimpici Nazionali hanno formato delle Federazioni indipendenti di Taekwondo. Quando il settore Karate decide di entrare nella FILPJ e di formare un quarto settore al suo interno, il Taekwondo chiede ed ottiene dal CONI di rimanere da solo e di formare una Federazione Associata direttamente al Comitato Olimpico Nazionale. Nasce la FITA.

*Gli ultimi avvenimenti sono recenti. A dicembre 2000 il CIO conferma il Taekwondo nei Giochi Olimpici di Atene e sempre a dicembre 2000 il CONI riconosce la FITA ai fini sportivi come Federazione Sportiva Nazionale. Nel mese di luglio 2001 arriva l’inserimento della FITA nel registro delle persone giuridiche e ad agosto 2001 partecipo per la prima volta con diritto di voto al Consiglio Nazionale del CONI.

*Oggi il Taekwondo è in grande crescita organizzativa e numerica. In pochi anni abbiamo quasi raddoppiato i tesserati superando il traguardo dei 23.000 nella stagione appena conclusa, con più di 500 tra Società Affiliate e Distacchi.

Gli Insegnanti Tecnici e gli Ufficiali di Gara sfiorano il migliaio, i risultati agonistici premiano il lavoro di tutto il nostro movimento, dallo Staff Tecnico Federale all’ultima piccola palestra in qualche zona solitaria del nostro Paese. A voi ora il compito, come Allenatori e futuri Insegnanti, di aiutare la FITA a compiere un ulteriore passo in avanti, portando il vostro entusiasmo giovanile e la vostra immediata capacità di adattarsi al nuovo che avanza.

Quindi, oltre a dirvi in bocca al lupo per la vostra attività, desidero ringraziarvi fin da ora per tutto quello che farete e costruirete!